loader

Installazione CodeIgniter: prime impressioni

Abbiamo già citato nell’articolo precedente alcune caratteristiche di questo Framework CodeIgniter.

Piccola premessa obbligata…

Oggi passeremo al setaccio la procedura d’installazione dello stesso e cercheremo di orientarci nella struttura di questo bellissimo e completo Stile di programmazione…

Si è vero, non ho mai accennato a questo, ma ogni framework detta le regole sulle best practices di scrittura del codice, questo non vuol dire che siamo obbligati a scrivere in un determinato modo, ma semplicemente siamo invitati a farlo.

A questo punto, spero vi siate incuriositi, non ci resta che…

  • Scaricare il nostro framework CodeIgniter
  • Preparare una directory sul nostro server per ospitare i file
  • Copiare il contenuto del file scaricato nella directory del server
  • Avviare il nostro server web
  • e… BASTA.

Fatti questi semplici passaggi, la struttura della nostra nuova applicazione sarà di questo tipo:

Struttura CodeIgniter
Struttura di base CodeIgniter, esclusa la directory vendor che spetterà a noi installarla

Come si evince dall’immagine potrebbe sembrare una semplicissima applicazione web scritta in php, ma non è del tutto vero…

Possiamo sin da subito immaginare che tutti i nostri file saranno contenuti nella directory application, mentre la directory system è la directory del CORE di CodeIgniter (quindi non dovremmo “mai” toccarla).

Aprendo la directory “application” noteremo subito come sia strutturato e diviso per “sezioni” e logica il framework.

CodeIgniter Application

Cosa notiamo? La distinzione di directory per la nostra applicazione… Questa struttura seppur semplice fa capire come sia facile implementare il nostro modello MVC, infatti:

  • Controller: file di classi che faranno da background e gestiranno le nostre richieste.
  • Models: file di classi che gestiranno i modelli dati dell’applicazione
  • Views: file scritti in php e/o con un template engine per costruire l’output

Questa semplificazione ci permette di avere subito pronto uno strumento potente in pochissimo tempo.

Altre directory

  • Cache: …. che dire??? … la cache d’applicazione…
  • Config: tutti i file di configurazione, dalla semplice configurazione del nome applicazioni, alle più disparate configurazioni.
  • Helpers: file di supporto (naturalmente funzioni) scritti in puro php, una nota doverosa, tutti i file in questa directory dovranno avere come postfisso “_helpers.php“, quindi immaginando di aver creato un file helper per risolvere una semplice operazione matematica “math_helpers.php
  • Logs: … i log del sistema
  • Libraries: sono le nostre classi che andranno ad estendere CodeIgniter, naturalmente solo qualora sentissimo necessità di crearle
  • Third_party: librerie di terze parti
  • Hooks: sono dei file che vengono utilizzati per creare azioni specifiche in determinate circostanze, non semplifico e non approfondisco in quanto per questo mini tutorial non serve…

Come funziona il tutto?

Dopo aver installato e configurato il server (qui la guida per xampp in locale per domini fittizi), appena apriamo il browser e puntiamo alla nostra istanza di CI saremo catapultati su questa pagina:

iCI
Controller Welcome – Metodo Index

Questo schermata sta a significare che l’installazione è andata a buon fine, per provare a creare una nuova rotta basta andare in “application/controller/welcome.php” e creare un nuovo metodo del tipo:

public function demo(){
    echo 'Ciao sono il tuo primo metodo su CodeIgniter';
}

Quindi puntiamo all’indirizzo del nostro server in questo modo: http://nostroserver/index.php/controller/metodo

http://nostroserver/index.php/welcome/demo

Ed ecco a voi il nuovo giocattolino web.